Come creare il tuo home office

Rispetto ad altri paesi europei, in Italia, la percentuale di lavoratori che utilizza lo smart working (in modo fisso o saltuario) è inferiore. Alla maggior parte dei dipendenti, a causa del Corona Virus, può essere capitato di lavorare da casa per qualche ora e in maniera occasionale.

In questi giorni, si discute molto, sul fatto che questo smart working d’emergenza, possa portare le aziende ad integrare in maniera costante questo metodo anche in seguito. Se anche tu ti trovi a dover affrontare, per la prima volta il lavoro da casa, potresti incontrare alcune difficoltà. Infatti non è sempre facile rimanere produttivi.

Un fattore importante è l’organizzazione del tuo home office

Ecco alcuni consigli per creare un' area lavorativa nella propria abitazione.

Come si crea uno spazio che garantisca un’atmosfera produttiva?

Innanzitutto considera l’impostazione della tua casa e quanto tempo passerai qui, al lavoro.

La prima cosa a cui pensare è dove dovrebbe trovarsi l’area lavorativa. Per scegliere prendi in considerazione il tuo tipo di occupazione e i bisogni delle persone con cui vivi.
Se lavori sempre da casa e hai bisogno di tranquillità e privacy potresti considerare di convertire una stanza, un garage o un soppalco. Se non hai molto spazio, o il tuo lavoro da casa è solo temporaneo, sistema l’ufficio in una delle stanze meno frequentate quotidianamente. Per esempio in un angolo della camera da letto.

Di che cosa hai bisogno nel tuo Home office?

On line o nei negozi di arredo troviamo molte proposte per l’ufficio da casa molto belle e funzionali. Ma queste soluzioni possono davvero rispondere alle esigenze della tua tipologia di lavoro?

Come prima cosa, rispondi a questa serie di domande. Ti aiuteranno a stabilire ciò di cui necessita il tuo ufficio.

  • Di quanto spazio hai bisogno sulla scrivania?
  • Hai bisogno di spazio di archiviazione?
  • Ti servono una stampante o altre apparecchiature?
  • Quanto è importante essere isolato dal rumore e dai disturbi all’interno della casa?
  • Quanto tempo trascorri al telefono?
  • Sei disordinato e il tuo disordine deve essere lasciato intatto da altre persone nella casa?
  • Hai bisogno di accedere spesso a materiali come documenti, libri o similari?

Alla fine di questo questionario dovresti già avere un’idea realistica di quello di cui hai bisogno per lavorare bene.

Progetta l’ufficio di casa pensando alle esigenze tecnologiche

Se la tua scrivania si trova al centro della stanza, devi pianificare il modo più sicuro per far passare i cavi.

Tieni conto di tutte le apparecchiature che utilizzano un’ alimentazione elettrica: illuminazione, computer, stampante, TV, sistema musicale e caricatori.

Puoi posizionare un alimentatore sotto alla scrivania. O ottimizzare le soluzioni utilizzando, per esempio, una lampada da tavolo che consente anche la ricarica wireless.

Scegli la scrivania

La scelta della scrivania dipende in gran parte dallo spazio che hai a disposizione. Deve essere abbastanza grande da contenere un computer portatile o un fisso, offrendo allo stesso tempo spazio per prendere appunti o per leggere da un manuale.

Una scrivania ad angolo ti permetterà di dividere la stazione di lavoro in due: un lato per il computer, l’altro per i documenti.

La sedia da ufficio

La scelta della seduta è fondamentale se trascorrerai molte ore del giorno seduto. E’ importante che sia comoda e con un buon rapporto ergonomico.

Elimina il disordine con uno spazio di archiviazione

Il disordine può influire molto sulla concentrazione mentre si lavora, per questo assicurarti che lo spazio sia il più ordinato possibile, con tutti i documenti importanti facilmente accessibili.

Scegli lo spazio di archiviazione per l’home office, come scaffalature e accessori di archiviazione che sia funzionale ed elegante. Se ogni cosa ha un suo posto assegnato ti sentirai incoraggiato a mantenere tutto in ordine.

Tieni traccia dei tuoi obbiettivi

Rimani focalizzato! Una bacheca può essere un ottimo modo per visualizzare i tuoi obiettivi e risultati, oltre a tenere traccia delle scadenze e delle liste di cose da fare.

L’illuminazione giusta

L’illuminazione può influire sul tuo umore e, di conseguenza, sulla produttività.

Quando pianifichi il tuo ufficio casalingo, ricorda di consentire l’accesso della luce naturale nella stanza. Se possibile posiziona la scrivania vicino alla finestra per beneficiare di quanta più luce del giorno possibile. Se lavori con computer o altri schermi, assicurati di tenere conto degli angoli di luce naturale durante il giorno per evitare l’abbagliamento.

Una lampada da scrivania per ufficio con illuminazione intelligente è un must. Se lo spazio è poco puoi ricorrere ad una lampada a sospensione per fare luce senza ingombro.

Non lasciare che uno spazio scomodo ti scoraggi

Se hai poco spazio da dedicare ad una postazione fissa, la soluzione potrebbe essere quella di utilizzare in modo creativo un piccolo spazio esistente. Corridoi e ingressi, spesso considerati inutilizzabili, possono effettivamente diventare un luogo perfetto per creare un ufficio domestico.

Un sottoscala, un corridoio o anche il soggiorno, potrebbero adattarsi perfettamente alle tue esigenze utilizzando arredi che possano accordarsi in maniera armonica con il resto della stanza.

Se vuoi una consulenza più specifica e mirata, non esitare, contattaci! Sapremo come rispondere alle tue necessità.

Condividi:

Il progetto di Skate è l’evoluzione della collezione On, l’innovativo sgabello che nel suo sedile racchiude un sistema di oscillazione capace di attivare la muscolatura e l’equilibrio di chi lo utilizza.

Un progetto che i designer, Bertolini - Ferrarese e Scagnellato, hanno ritrovato nell’evoluzione degli skater e che hanno completato con il principio del truck della tavola da skate applicato allo schienale.

Secondo i tre designer la nuova sedia è stata concepita grazie a una fortissima suggestione, ossia quella di sedersi sopra una nuvola. Gli ideatori del progetto sono stati colpiti dall’osservazione di alcuni ragazzi che si esibivano con i loro skateboard; in particolare dalla possibilità di trasferire la loro libertà di movimento in un innovativo oggetto di design.

Essenziale e intuitiva

Skate è stata progettata per essere semplice e intuitiva.La regolazione in altezza si attiva con una pressione in qualsiasi punto sul disco sotto il sedile: un brevetto Sitland che migliora l'esperienza d'uso e introduce un nuovo metodo di regolazione. Anche il supporto lombare può essere regolato secondo le proprie necessità spostandolo comodamente da seduti.

DAT® Dynamic Adaptive Technology: benessere a 360°

Skate favorisce il benessere fisico, senza sforzo e in qualsiasi momento. Concepita per stimolare il movimento anche stando seduti, Skate è dotata di un sistema di oscillazione originale brevettato da Sitland: il DAT®.Il sistema DAT® Dynamic Adaptive Technology, consente a sedile e schienale di oscillare seguendo liberamente il dinamismo del corpo pur mantenendo sempre una postura adeguata.Il movimento dello schienale di Skate si ispira al truck dello skateboard, la parte a forma di T che collega le ruote alla tavola e permette a questa di adattarsi ai movimenti dello skater.Come lo skater, l'utilizzatore di Skate non ha bisogno di leve e manopole per la regolazione dell'oscillazione ma tutto avviene in sintonia con i propri movimenti e in base al proprio peso corporeo.

A casa come in ufficio

Skate è ideale sia per l'ufficio che per l'angolo di lavoro o di studio a casa grazie alla sua semplicità di utilizzo e alle linee minimal che la disegnano. Una vasta gamma di rivestimenti e di colori è disponibile per personalizzare il sedile e lo schienale (in rete o in tessuto).Per un maggior comfort, Skate offre la possibilità di scegliere fra tre tipologie di braccioli: fissi e regolabili in altezza per chi cerca funzionalità e pulizia formale, regolabili 3D per chi cerca un supporto con un maggior grado di adattabilità alle proprie esigenze d'uso ed ergonomiche.

Condividi:

Oggi per noi è un giorno speciale e abbiamo piacere di ricordarlo e condividerlo con Voi!

Celebriamo il 35° anniversario di PUNTO UFFICIO!

Da quel lontano aprile del 1986 abbiamo fatto davvero tanta strada se pensiamo al primo insediamento in via Serra, dove  in neanche 70mq iniziammo questa avventura tra mobili, macchine e cartotecnica per ufficio.

Sono stati 35 anni di impegno costante, passione, sacrifici, scelte obiettivi raggiunti,  e tante soddisfazioni.

Alcuni di noi hanno messo qualche capello bianco, qualcuno ha seguito strade diverse, altri giovani collaboratori si sono affiancati, ma in questo percorso trentacinquennale la squadra è sempre stata coesa e determinata nel perseguire la mission aziendale.

Consideriamo quella di oggi una tappa importante, dalla quale ripartire proiettati verso nuove sfide e progetti.

Lavoriamo quotidianamente per mettere al servizio delle vostre esigenze la miglior consulenza e professionalità possibili. La vostra soddisfazione è il nostro obiettivo finale e la gratificazione che ne deriva è uno sprone a continuare in questa direzione.

Se siamo qui, a celebrare questa data,  è anche e soprattutto dovuto alla fiducia che voi Clienti avete riposto in noi. 

Grazie per averci scelto!

Con stima, lo staff di PUNTO UFFICIO.

Condividi:

Con la sempre maggior diffusione di uffici open-space, avere uno o più luoghi dove potersi riunire, isolandosi acusticamente e per garantire una maggiore privacy, diventa sempre più una necessità. Una necessità che viene soddisfatta dalle huddle rooms.

Ma, in breve, cos’è una huddle room e che vantaggi apporta?

All’interno di spazi di lavoro che vanno in una direzione open, si rendono necessari spazi definiti – magari insonorizzati – che permettano a piccoli gruppi di lavoro, da 3 a 6 persone al massimo, di riunirsi.

Le moderne tecnologie hanno permesso all’huddle room di settarsi sia come spazio fisico per i dipendenti dell’azienda che necessitano di un’area riservata per brevi incontri e meeting, quanto come spazio virtuale, nel momento in cui si rendano necessarie conference call.

Negli ultimi anni, da semplice stanza che garantiva una comunicazione one-to-one, si è progressivamente evoluta – con l’introduzione di telefoni, di piccole postazioni e tecnologia audio e video – in una sorta di piccola enclave autonoma da non più di 10 o 12 mq. La dimensione ridotta rende opportuno un adeguato ricambio d’aria, nonostante non sia prevista una permanenza prolungata.

Le huddle rooms rappresentano un’area confortevole, tecnologica e di design che è oramai parte integrante della comunicazione e collaborazione di una forza lavoro dinamica, aperta alle tendenze tecnologiche e sociali, ed è particolarmente efficace per un segmento di utenti sempre più ampio che richiede maggiore flessibilità nel proprio lavoro.

Questi spazi offrono infatti un approccio più flessibile per svolgere la propria attività in un ambiente meno formale – rendendoli un catalizzatore per i millennial – che cercano un’oasi di collaborazione.

Rispetto a qualche decennio fa in cui la tecnologia di collaborazione era integrata e limitata solo a grandi e costose sale riunioni, l’implementazione di comodi micro-ambienti, corredati da servizi audio e video conferenza, sta diventando strategica nel supportare la cooperazione sia per i dipendenti interni che per quelli remoti nel sentirsi inclusi e parte attiva della conversazione.

Non solo, all’interno di questi ambienti, confortevoli e connessi, risulta più semplice incoraggiare un team di lavoro nel condividere obiettivi e strategie.

Le huddle rooms più evolute tecnologicamente presentano i seguenti vantaggi:

•          PRENOTABILITÁ - con sistema intelligente IOT (Internet of Things)Technology

•          BENESSERE ACUSTICO – con inserimento pannelli acustici a soffitto

•          QUALITÁ DELL'ARIA grazie a sistemi VMC (Ventilazione Meccanica Controllata) di mandata/ripresa  e filtrazione dell'aria

•          ILLUMINAZIONE DIMMERABILE E PROGRAMMABILE

•          SANIFICAZIONE dell'ambiente tramite applicazione alla VMC (Ventilazione Meccanica Controllata) di IONIZZATORE AL PLASMA che DISTRUGGE VIRUS e AGENTI PATOGENI.

  •     Il sistema intelligente IOT consente di attivare LUCI - VENTILAZIONE INTERNA  - PRESE di CORRENTE prima della riunione, ad orari programmati per far trovare l’ambiente subito idoneo all’operatività.

Sei interessato?  Vuoi approfondire l’argomento o valutare per la tua azienda i vantaggi e la possibilità di una HUDDLE ROOM ?  Contattaci, assieme troveremo la soluzione a misura delle tue necessità.

Condividi:

Negli  uffici e nei luoghi di lavoro l’uso appropriato del colore raggiunge molteplici obiettivi:

  • Favorisce l’immagine aziendale.
  • Costituisce un elemento importante dell’identità aziendale ed influisce sulla sua comunicazione.
  • Agisce direttamente sul benessere psicofisico dei collaboratori aumentandone il rendimento. È provato infatti che un ambiente esteticamente curato e stimolante aumenta la   soddisfazione ed il senso di benessere dei lavoratori, crea emozioni positive e conseguentemente migliora le loro prestazioni.
  • Contribuisce a generare senso di appartenenza.

La scelta delle soluzioni cromatiche ha la finalità di rendere tutti gli ambienti, anche quelli più impersonali, asettici o privi di calore, un luogo dove poter trovare energia, vitalità, stimoli, comfort, dinamismo.

Nuovi uffici con un duplice obiettivo: rappresentare il core value aziendale ed essere punto di riferimento fisico per le persone che in quel luogo lavorano, in quei valori si riconoscono...

Ogni facility manager o responsabile del personale deve sapere che in base alla tipologia di lavoro svolto un colore è più adatto di un altro ed esserne consapevoli, tenendo conto di ciò, renderà sicuramente le risorse umane più performanti traducendosi in maggiori guadagni o minori costi.

“I colori, come i lineamenti, seguono i cambiamenti delle emozioni.” (Pablo Picasso)

Facciamo una breve carrellata sui colori e le loro peculiarità:

  • Il blu è uno dei colori che mediamente piacciono di più alle persone. Trasmette un’idea di sicurezza e affidabilità.
  • Il rosso comunica forza e stimola l’attenzione, ma la sua vista è stata anche correlata a una riduzione del pensiero analitico.
↑ Frequentemente si ricorre al colore rosso, storicamente e simbolicamente legato al potere, utilizzandolo per infondere coraggio e volontà di successo - Nella hall di rappresentanza il colore rosso comunica energia e vitalità nell’attività svolta dall’azienda.
  • il giallo,  il colore più radioso per eccellenza, che agendo sulla parte sinistra del cervello, stimola l'apparato locomotore e la sfera intellettiva favorendo funzioni mentali come l'attenzione e l'apprendimento, riducendo anche la sonnolenza
  • l’arancione, la creatività, la vivacità, e l’ottimismo sono stimolati da questo colore che fa assumere un senso di giovinezza e vitalità. Abbatte le barriere, trasmettendo un senso di fiducia.
  • Il verde rilassa e favorisce il benessere fisico e psicologico. Merita una trattazione specifica anche perché è il colore delle piante. Diverse ricerche hanno rilevato che in presenza di vegetazione si lavora meglio e con maggior precisione rispetto a quelli che ne sono privi, producendo un risultato di qualità superiore. L’influsso positivo delle piante (naturali o ornamentali) si manifesta in particolare nella capacità di memorizzazione, che migliora fino al 20%.
  • Il marrone rappresenta la terra e il legno, evoca sensazioni di solidità, di durevolezza e di stabilità.  Il marrone è anche il colore associato alle persone forti e solide con grande capacità di resistenza e pazienza.
  • Anche il viola, favorendo l’ispirazione e aiutando a moderare l’irritabilità e gli stati impetuosi di irragionevolezza improvvisa grazie al rallentamento dell’attività cardiaca, può diventare un prezioso alleato.

Quindi se doveste trovarvi ad arredare una sala riunioni, piuttosto che un ufficio direzionale; un’area break o una operativa,  una reception, una sala corsi (e l’elenco potrebbe proseguire) quali colori utilizzereste per raggiungere gli obiettivi sopra menzionati?

Niente panico, siamo qua noi, che applichiamo abitualmente queste tecniche per fornire soluzioni  che soddisfino le esigenze dei ns. clienti.      Contattateci!!

Condividi:
  1. Analisi del problema

Con l’arrivo in Italia degli uffici open space, nell’ambito degli ambienti di lavoro si è presentata una nuova sfida per i designer ed i progettisti, la gestione del rumore.

Quando si lavora a stretto contatto con altre persone rimanere concentrati può essere un impresa ardua: il continuo ticchettio delle tastiere, le voci dei colleghi, il telefono che squilla, sono tutti elementi che infastidiscono e che portano ad un calo di concentrazione e produttività.

Inoltre quando in questo tipo di situazioni si crea il così detto effetto Lombard, ovvero la tendenza involontaria dei parlanti ad aumentare l'intensità della loro voce in presenza di un rumore di fondo che interferisce con la comprensione della voce umana, portando ad un circolo vizioso di inquinamento acustico che finisce per creare confusione e fastidio.

Negli anni un corretto comfort acustico negli ambienti diventerà fondamentale come lo è oggi l’aria condizionata non solo per gli uffici, ma anche in ambienti come ristoranti, sale conferenze, sale riunioni, negozi, scuole, ospedali.

Pannelli fonoassorbenti in appoggio a scrivania
  1. Progettazione acustica

Ma come fare per ovviare al problema?
Le strada da percorrere è una soltanto, una corretta progettazione acustica.

Per prima cosa occorre effettuare un rilievo dell’ambiente, definire le dimensioni degli elementi (muri, finestre, porte, soffitto, pavimento, arredi presenti etc…) ed i materiali che li compongono. Un volta raccolti questi dati, attraverso un software di calcolo dedicato si ottiene il tempo riverbero presente nella stanza prima dell’intervento ed il valore ottimale da raggiungibile dopo l’intervento in base alla tipologia ed al quantitativo del prodotto utilizzato.

Ascolta le differenze pre e post intervento!

  1. Le tipologie di prodotti

Esistono due principali categorie di prodotti utilizzabili per trattare acusticamente un ambiente: I pannelli ed i rivestimenti.

I pannelli fonoassorbenti sono realizzati in fibra di poliestere e rivestiti in tessuto. Sono adatti a varie configurazioni; possono essere infatti installati a soffitto, a muro, agganciati o appoggiati a scrivania, sospesi oppure messi a centro stanza.

I rivestimenti fonoassorbenti sono elementi da muro o soffitto molto di impatto. In legno, metallo, licheni, stabilizzati o addirittura in leghe preziose, questi elementi associano acustica ed architettura andando a creare effetti visivi piacevoli e ricercati.

  1. Fonoassorbente vs Fonoisolante

Quando si parla di acustica, un profano solitamente confonde e fa coincidere i concetti di fonoassorbenza ed isolamento acustico che tuttavia sono due elementi differenti anche se in parte collegati.

La fonoassorbenza infatti permette di migliorare l’acustica degli ambienti riducendo il riverbero, di conseguenza in un ambiente trattato acusticamente non ci sarà più bisogno di alzare la voce per comunicare con i colleghi ed il livello di rumore in uscita da quell’ambiente sarà inferiore.

L’isolamento acustico, come intuibile, si occupa invece di isolare acusticamente gli ambienti, impedendo alle onde sonore di propagarsi da un ambiente all’altro.

Gli elementi fonoassorbenti non possono isolare acusticamente gli ambienti ma, come già spiegato, possono aiutare ad evitare che ulteriore rumore venga prodotto.
La risoluzione di problemi di isolamento acustico richiede però un approfondimento dedicato, e lo tratteremo in un altro articolo. 

Pannelli fonoassorbenti a soffitto
  1. Conclusioni

Gli uffici moderni, spesso separati da partizioni vetrate e dove sono presenti grandi finestre (tutti elementi riflettenti che amplificano il riverbero), soffriranno maggiormente di problemi di acustica, ed una valutazione iniziale è necessaria per non trovarsi a dover ricorrere in un secondo momento a soluzioni tampone.

Attraverso la nostra esperienza possiamo guidarti fin dal principio verso una corretta progettazione acustica con elementi di design che possano impreziosire, e rendere il tuo ufficio un posto migliore dove lavorare serenamente ed in maniera produttiva.

Condividi:

L’ufficio è finito, le pareti sono state montate e gli arredi sono pronti all’uso; manca solo l’ultimo tocco, la scelta della poltrona.
Di poltrone per ufficio infatti ce ne sono di svariati modelli, materiali e costi. Bisognerà dunque scegliere quella adatta a noi in base all’uso che ne facciamo ed a quanto tempo passiamo in ufficio.
La presenza di  tanti differenti meccanismi infatti permette di personalizzare la seduta per far in modo che sia adattabile in base all’utilizzatore finale, ma questo alle volte può creare un po’ di confusione.
Quali sono dunque gli elementi  da tenere in considerazione quando si sceglie una poltrona? Vediamoli insieme.

  • Il tipo di seduta
    Le poltrone da ufficio si classificano in due macro categorie: le poltrone direzionali e le poltrone operative.
Poltrona-direzionale
poltrona-operativa

Le poltrone direzionali progettate per utilizzi quasi sempre manageriali, coniugano materiali di primo livello,  design e raffinatezza, con meccanismi di regolazione abbastanza semplici proprio per la tipicità del lavoro svolto dalle persone che le utilizzano. Bisogna fare attenzione a sceglierne una che sia adatta all’uso. Una persona che passa molto tempo alla scrivania avrà bisogno di una poltrona confortevole e che si adatti a lui o lei, mentre chi usa l’ufficio per rappresentanza potrà concentrarsi maggiormente sull’estetica.
Le poltrone operative sono invece più “tecniche” ed in questo tipo di sedute si  trovano  i meccanismi (che di seguito illustreremo) necessari a mantenere il giusto confort e la giusta ergonomia dell’utilizzatore, ottenendo così l’eliminazione  o la riduzione di eventuali problematiche posturali.

  • Il sedile: il cuore della poltrona
    Nel sedile risiedono meccanismi importanti da tenere a mente quando si sceglie la poltrona:
    Oscillante – Si trova nelle poltrone monoscocca e permette di modificare la posizione dell’utilizzatore mantenendo il corretto angolo tronco/coscia.
    Contatto permanente – Consente il semplice supporto alla schiena dell’utilizzatore da parte dello schienale inclinabile.
    Meccanismo sincronizzato – Segue dinamicamente l’utilizzatore in tutti i movimenti naturali del corpo; sedile e schienale infatti cambiano inclinazione in sincronia. Si può regolare la resistenza del movimento in base al peso dell’utilizzatore
    Meccanismo sincronizzato autotarabile – Ha le medesime caratteristiche del meccanismo sincronizzato, ma regola autonomamente la resistenza in base al peso dell’utilizzatore.
Oscillante
Contatto permanente
Sincronizzato
Sincronizzato autotarabile

Integrano, a completamento del quadro dei possibili adattamenti:
Traslatore del sedile - permette di regolare la profondità del sedile, traslandolo avanti ed indietro. (Una persona molto alta avrà bisogno di un maggiore appoggio, e viceversa)
Regolazione in altezza - meccanismo che si trova sostanzialmente in ogni poltrona per garantire il giusto appoggio dei piedi.

Traslatore
Regolazione in altezza
  • Lo schienale
    Lo schienale negli ultimi anni ha vissuto un forte cambiamento, con la comparsa della finitura in rete (più fresca e traspirante) che è andata ad affiancare le più classiche imbottiture rivestite in tessuto o ecopelle.
    Anche qui risiedono due meccanismi importanti:
    Regolazione in altezza dello schienale – Consente di aggiustare in altezza la posizione dello schienale per garantire un adeguato supporto lombare, offrendo protezione alla colonna vertebrale. La regolazione può essere a scatti successivi oppure millimetrica.
    Supporto lombare regolabile – consente la personalizzazione del contatto tra lo schienale e la schiena dell’utilizzatore nella zona lombare, garantendo un’adeguata aderenza alla naturale curvatura della colonna vertebrale.
Altezza schienale
Supporto lombare
  • La raggiera
    Le raggiere si differenziano in due categorie:
    Raggiera in nylon nero - sono quelle base, resistenti e durevoli nel tempo
    Raggiera in alluminio lucido o cromata o verniciata- vengono scelte per dare un tocco di eleganza e pulizia aggiuntivo.
  • Le ruote
    Le ruote sono un elemento base della poltrona da ufficio, ma si differenziano tra loro per tipologia di superficie d’uso ed estetica.
    Le ruote frenate Ø5 cm nere sono le più comuni e sono disponibili anche per pavimenti tessili e per parquet.
    Esistono anche di misura superiore, Ø6,5 cm che possono essere cave e con struttura cromata, per impreziosire la seduta.
  • I braccioli
    Un ulteriore elemento da tenere in considerazione sono i braccioli che possono essere:
    Fissi
    1D - Regolabili in altezza
    2D - Regolabili in altezza e profondità
    3D - Regolabili in altezza, profondità ed ordientabili
    4D - Regolabili in altezza, profondità, larghezza ed orientabili
Bracciolo 1D
Bracciolo 2D
Bracciolo 3D
Bracciolo 4D

In conclusione, prima di acquistare una poltrona per ufficio bisogna ragionare sulle esigenze e sull’uso futuro della stessa, andando a mixare gli elementi necessari.
Vedere, toccare con mano e provare le poltrona è un passo fondamentale che guiderà la scelta verso quella più adatta.
Vi aspettiamo presso la nostra esposizione in via Emilia levante 406 a Castel Bolognese, dove potrete provare i modelli da noi selezionati e farvi consigliare dal nostro staff.

Condividi:

Durante questo turbolento 2020 Frezza non si ferma e guarda avanti, presentando tre nuove linee di scrivanie che vanno ad arricchire la già importante scelta disponibile.

Spike
Spike è la nuova linea di scrivanie e tavoli riunione direzionali  dal design unico e dai materiali di alta qualità. Un’immagine leggera che si contrappone al forte spessore della solida struttura in acciaio verniciato o cromato. Spike si distingue per eleganza e comfort ergonomico. I piani vengono proposti in legno, melaminico o vetro; con possibilità di allestire anche tavoli riunione per sale meeting.


Pop Ace
Pop Ace
è un programma di scrivanie e tavoli riunione giovane e dinamico, che propone postazioni di lavoro agili e flessibili. La particolarità del programma è la presenza di una struttura che si distingue per la sua forma con gambe inclinate. I tavoli e le scrivanie sono disponibili anche ad h105, così da poter essere utilizzati in piedi o con degli sgabelli. Questa soluzione più dinamica migliora il lavoro di gruppo e la comunicazione tra colleghi, aumentando il senso di benessere e creando un clima più sereno.


Pop Woody
Pop Woody
nasce dalla combinazione di una struttura metallica bianca o nera abbinata alla bellezza del legno massello in frassino naturale. Come per suo “fratello” Pop Ace, le scrivanie ed i tavoli riunione Pop Woody possono essere configurati in varie soluzioni, così da riuscire a rispondere alle molteplici esigenze del lavoro; dai momenti di concentrazione ad attività collaborative in compagnia dei colleghi.


Se vuoi approfondire, visionare e toccare con mano i prodotti ti aspettiamo presso la nostra esposizione in via Emilia Levante 406 a Castel Bolognese. Il nostro staff ti guiderà nella scelta della scrivania più adatta alle tue esigenze ed ai tuoi gusti.

Condividi:

1986-2021 Nel 35° anno dalla nascita di PUNTO UFFICIO, diamo vita al nuovo sito web, finalmente….

Con questa news presentiamo il lancio del nostro nuovo sito web, completamente rinnovato nei contenuti e nella grafica per una consultazione agevole, intuitiva e veloce, ottimizzato anche per smartphone e tablet.

Abbiamo pensato dovesse essere un luogo virtuale dove trasmettere i nostri valori e far trovare ai nostri clienti, reali e potenziali, le informazioni sulle soluzioni e sui servizi  che siamo in grado di fornire.

E’ nostra intenzione  mantenere vivo e dinamico questo spazio attraverso la veicolazione di notizie  accurate ed  aggiornate condividendo le nostre conoscenze ed esperienze di progettazione e realizzazione .

Sarà anche un modo per conoscerci meglio. Consultando le diverse pagine potrete sapere chi siamo, cosa facciamo e come lo facciamo.

Visitando poi la sezione blog  potrete trovare tutti i prossimi eventi, argomenti pertinenti al mondo dell’arredo ufficio (e magari non solo), approfondimenti e case history.

Abbiamo impiegato tempo, risorse, ed attenzioni  per rendere questo sito web ricco di contenuti ed immagini, affinché potesse  trasformarsi in  una strumento utile e interessante per tutti voi. Crediamo di aver fatto un buon lavoro, ma speriamo che questo ci venga riconosciuto soprattutto da voi.

Vi aspettiamo, quindi, sulle  pagine del nostro nuovo sito al link http://www.puntoufficiocb.it  

Buona navigazione!

Il team di PUNTO UFFICIO

Condividi:

PUNTO UFFICIO

Lascia i tuoi dati! Ti ricontatteremo per fissare un appuntamento o per un sopralluogo gratuito.

Compila il form sottostante o chiamaci al:

Da lunedì a venerdì: 
08:30 - 12:30 / 14:30 - 18:30
  • Il telefono è indispensabile per un contatto diretto e veloce
  • Hidden
  • Utilizzando questo modulo acconsenti alla memorizzazione e al trattamento dei dati da parte di questo sito web in base alla Privacy e Cookies Policy
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
PUNTOUFFICIO di Rivola Gianfranco & C. s.a.s. Via Emilia levante, 402-406-424, 48014 Castel Bolognese (RA) 
Tel: 0546-55481 Fax: 0546-55766 Mail: info@puntoufficiocb.it Partita Iva - C.F. - Reg. imprese: 00988190393
Privacy Policy - Cookies Policy